Effetti del mancato deposito di un Frazionamento

Considerato che si stanno verificando casi di presentazione di tipi di frazionamento senza il relativo deposito presso gli uffici comunali, riproponiamo l'avviso dell'Agenzia delle Entrate - Territorio già pubblicata il 15 settembre u.s.:

Dal primo giugno tutti gli atti di aggiornamento devono necessariamente essere presentati per via telematica. Da qui l'ufficio riscontra l'effettivo deposito, basando il tutto, sulla presenza nel tipo di un modello di autodichiarazione, attestazione che viene richiesta al Tecnico. Con una nota n. 55516 del 22 aprile 2015 la Direzione Centrale Catasto e Cartografia ha diramato una direttiva in tal senso.

L'art. 71 del D.P.R. n. 445 del 2000 obbliga l'amministrazione a procedere a controlli sulla veridicità dei contenuti nelle dichiarazioni sostitutive, chiedendo mensilmente ai comuni interessati la sussistenza di detto deposito.

La responsabilità su dichiarazioni mendaci è penale.

L'amministrazione che aveva registrato il tipo di frazionamento, dal momento in cui il Comune segnala il mancato deposito è tenuta ad inserire sulla particella interessata una annotazione "Si segnala il mancato deposito del tipo di frazionamento, previsto dal comma 5 dell'art. 30 del DPR 380/2001 e trasmesso telematicamente, giusta comunicazione del di ........., prot. n. ......... del ........."

Contestualmente l'Ufficio segnalerà i fatti:

All'Ordine o al Collegio professionale di appartenenza del tecnico redattore,

Alla Procura della Repubblica competente per territorio.

Nota Ag.Entrate Territorio MO

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Navigando il sito acconsenti all'utilizzo dei cookie in accordo alla nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.